Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Birre abruzzesi chiocciola Slow Food alla Almond’22

La passione per la birra artigianale porta per la prima volta in Abruzzo la chiocciola Slow Food nella Guida alle Birre d'Italia 2015 e premia il microbirrificio Almond'22 di Jurij Ferri, a Spoltore. Nella nuova edizione della guida biennale curata da Luca Giaccone ed Eugenio Signoroni, risultano variegati i top riconoscimenti Slow alle qualità organolettiche della (micro)produzione brassicola regionale, un movimento in crescita fortissima che conta attualmente 18 microbirrifici rispetto ai 5 di due anni fa. Produzione rappresentata in Guida da Almond '22 (Spoltore), Maiella (Casoli), Opperbacco (Notaresco), San Giovanni (Roseto degli Abruzzi). La chiocciola SF, ambìto trofeo finora mai conquistato da un birrificio abruzzese, è assegnata a chi interpreta i valori cari a Slow Food: attenzione all’impatto ambientale, provenienza delle materie prime, filiera, stile proprio e gamma elevata di prodotti. Caratteri riconosciuti come distintivi di Almond '22 e del suo provetto mastro birraio, Jurij Ferri, quotato tra i primi dieci in Italia, pioniere e faro illuminante del movimento dei birrai indipendenti in crescita verticale nel centro-sud.

Ferri è propulsore dell'innovativo progetto ecosostenibile “Spoltore Polo della Birra artigianale” volto a rilanciare l'immagine, l'economia e il turismo della cittadina del pescarese quale centro di eccellenza della produzione birraria a livello nazionale, grazie alla presenza sul territorio di ben tre produttori: con Almond' 22 (in procinto di aprire un nuovo e più grande birrificio tra le colline di Loreto Aprutino), il beerfirm dei fratelli Leardi e il microbirrificio Desmond. «Una concentrazione straordinaria in un paese di 18mila abitanti come Spoltore, su un Abruzzo che ormai è pienamente alla pari delle altre regioni leader come Piemonte e Lombardia» commenta il curatore della guida per l'Abruzzo e Molise, Giovanni Angelucci. Ecco dunque riconoscimenti e valutazioni, precisando che La Bottiglia è il simbolo assegnato ai birrifici che esprimono ottima qualità media in tutta la produzione in bottiglia e notevole costanza produttiva a livello qualitativo; Birra Slow (Bs) è quella birra che oltre a essere eccellente per l’assoluto valore organolettico è in grado di emozionare; Birre quotidiane (Bq) sono quelle che, oltre a essere molto buone, sono anche molto equilibrate e non perdono mai di vista la facilità di beva; Grandi birre (Gb) sono quelle organoletticamente molto alte. Almond '22: Chiocciola per il birrificio, “Farrotta” (Bs), “Hibernum” e “Maxima” (Gb), “Pink Ipa” (Bq). Maiella: Bottiglia per il birrificio; “Bucefalo” e “Matthias” (Gb); “Magia d'estate” (Bq), “Novi Luna” (Bs). Opperbacco: Bottiglia per il birrificio; “10 e Lode” (Bs), “6son Ipa” e “Deep Underground” (Gb), “Bianca Piperita” (Bq). San Giovanni: “Blanche” (Bq). «Abbiamo un Abruzzo birraio fino a ieri poco conosciuto ma che oggi figura nel contesto nazionale con identità propria, dipingendo nuovi scenari e mostrando il proprio valore» rileva Angelucci.

Jolanda Ferrara